La Vergogna nella relazione d’aiuto

Seminario esperienziale

La vergogna è una delle emozioni più comuni ma più difficili da esprimere. Ne facciamo esperienza ogni volta che ci sentiamo esposti allo sguardo dell’altro, al suo giudizio, o quando all’altro ci riveliamo portando nel contesto relazionale la nostra parte più intima.

L’ansia, la paura, il senso di impotenza, la chiusura possono essere collegati in qualche misura proprio all’esperienza di questa emozione.

La vergogna è spesso presente all’interno della relazione d’aiuto e nei processi di gruppo, espressa nel corpo, nelle posture, nella mimica facciale, ed è importante riconoscerne la presenza per far emergere nuove consapevolezze.

Nel contesto accogliente del gruppo avremo modo di sostenere l’esplorazione di questi vissuti, spesso profondamente radicati nella nostra storia e scopriremo la funzione regolatrice della vergogna nelle diverse relazioni.

Disegno Onirico

Ciclo di incontri settimanali

“Dentro di noi c’è il mondo e se sapete guardare e imparare, la porta è lì e la chiave è nelle vostre mani. Nessuno potrà darvi la chiave per aprire la porta, salvo voi stessi” – Krishnamurti

Il disegno onirico è una tecnica che permette di portare alla luce alcune parti di sé attraverso delle immagini simboliche in modo simile a ciò che accade durante il sogno.

Con il sostegno della musica emergono i momenti importanti della propria storia, le persone significative, i desideri, le aspirazioni e anche gli ostacoli che ne rendono difficile il raggiungimento.
Ogni persona sarà l’interprete della propria produzione attraverso un’elaborazione scritta che partirà dalle immagini del disegno.
La tecnica usata permette di lasciare da parte la razionalità per dare spazio  alla propria parte bambina, intuitiva, creativa, in contatto con i bisogni più autentici.

Dipingere il Sogno

Seminario esperienziale

Se una tigre  entrasse in questa stanza avrei paura, ma se ho paura nel sogno vedo una tigre (Borges, il libro dei sogni)

Il sogno ha da sempre affascinato l’essere umano che in ogni tempo e luogo ne ha cercato significati e interpretazioni diverse. In Gestalt lo intendiamo come un processo spontaneo che, al di là del nostro controllo, esprime aspetti della nostra personalità di cui spesso siamo poco consapevoli. Per questa ragione il sogno si presenta come un prezioso rivelatore di parti profonde del nostro Sé che chiedono di essere riconosciute e integrate, un messaggio esistenziale su come ci siamo costruiti, sui nostri bisogni, sulle nostre situazioni non concluse, fornendoci  indicazioni importanti sul momento attuale di vita. Nel seminario cercheremo proprio di cogliere questo messaggio ridando vita ai sogni e ricostruendone l’esperienza attraverso l’arte e l’immedesimazione. La scena onirica è già di per sé un’opera artistica spesso surreale, carica di simboli, dove lo spazio e il tempo non hanno regole. Insieme nel gruppo utilizzeremo i colori per dipingere il sogno e dare forma al messaggio onirico che può così essere rivissuto e portato alla luce col suo carico di significati.

Laboratorio sulle fiabe

Ciclo di incontri settimanali

Le fiabe esprimono con un linguaggio semplice i processi della nostra psiche; esse contengono dei simboli, degli archetipi che rivelano una sapienza antica utile agli uomini di ogni tempo. I vari personaggi che incontriamo, la strega cattiva, il lupo, il drago, il re, la principessa, il principe azzurro rappresentano parti di noi; le varie avventure che essi vivono, gli ostacoli, le prove da superare sono la rappresentazione dei passaggi importanti della nostra vita e del nostro percorso di crescita. Durante il percorso alla lettura della fiaba seguirà un momento di condivisione dei vissuti e un approfondimento delle tematiche attraverso la scrittura e il disegno. Identificandovi con i vari personaggi potrete incontrare parti di voi a volte ancora poco conosciute o totalmente inesplorate, potrete mettere a fuoco quelli che sono gli ostacoli che in questo momento rendono difficile il raggiungimento dei vostri obiettivi e imparare a dare spazio alla vostra intuizione e creatività.

Laboratorio Sulle Fiabe - Carla Valente
Il tempo del lutto

Il tempo del lutto

Seminario esperienziale

Oggi la morte è sempre più allontanata dalla vita quotidiana e relegata negli ospedali e nelle case di riposo; c’è poco spazio per la condivisione e l’ascolto di chi ha subito un lutto e ha bisogno di raccontare, ricordare, piangere avendo vicino qualcuno che gli possa dare questo tempo. Il seminario vuole dare la possibilità di esplorare, approfondire ed elaborare i vissuti relativi a lutti e perdite.

Da bruco a farfalla: la grande trasformazione

Seminario esperienziale

Nascendo ci muoviamo già verso la morte. Vita e morte sono l’una nell’altra in modo inscindibile e pur non essendone consapevoli ne facciamo continuamente esperienza. Nel seminario ci avvicineremo con semplicità e delicatezza al grande tema della propria morte ed esploreremo le nostre convinzioni, paure ed emozioni rispetto a questa realtà.

Da bruco a farfalla

Memorie Transgenerazionali

Seminario esperienziale

Noi non siamo solo individui, ciascuno di noi fa parte di un campo molto più ampio e complesso che include la nostra storia familiare da cui ereditiamo non soltanto i caratteri somatici ma anche capacità, risorse, talenti, traumi e lutti, conflitti emotivi non risolti dalle generazioni che ci hanno preceduto. Ė importante quindi recuperare le nostre radici per comprendere ed equilibrare alcune nostre attuali difficoltà come malattie, problemi lavorativi, relazionali e tutto ciò che riguarda la sfera della riproduzione. In questo lavoro abbiamo la possibilità di riconoscere i blocchi che ci arrivano dal campo generazionale per liberarcene e vivere appieno la “nostra vita”.

Laboratorio di scrittura creativa

Ciclo di incontri settimanali

Vi propongo un percorso in cinque incontri per sperimentare “l’arte del narrarsi”: scrivere la propria storia permette di rileggerla scoprendo nuovi significati, aiuta a dare valore ai particolari e agli avvenimenti ritenuti poco significativi, ma in realtà importanti in quanto tasselli di quel mosaico che è la propria vita.

Scrivendo possiamo prendere le distanze dagli avvenimenti più dolorosi e dalle emozioni troppo forti, possiamo chiudere alcune situazioni rimaste aperte e dare l’avvio all’integrazione delle polarità che sono dentro di noi.

La scrittura aiuta a liberare la nostra creatività, a uscire dagli schemi ripetitivi in cui siamo imprigionati.
Leggere la propria storia contribuisce a definire la propria identità, a dare un senso ai vari avvenimenti, alle relazioni, agli incontri da quelli fugaci a quelli che hanno segnato profondamente la vita.

Foto di copertina di Aldo Passarello

Contatta Carla Valente per un appuntamento